lunedì 9 dicembre 2013

sono ciò che sono per merito di ciò che siamo tu

(sonetto reticente)

Perchè nun parli?
te guardo e taci,
'n testa tarli
e ner còre braci

fugaci emozioni abbozzano 'n soriso
sur viso coroso da rughe e 'nciso
da 'na responsabbilità de felicità
troppo granne pe' l'umanità

continuo a guardatte e te me guardi de rimanno,
m'allungo e me protenno fino a quanno
io 'o so.

Anche se nun l'ascorterò
riesco a 'mmagginallo.
Perciò nun parlo.







Perché non parli?
ti guardo e taci, 
in testa tarli
e nel cuore braci

fugaci emozioni abbozzano un sorriso
su un viso corroso da rughe e inciso
da una responsabilità di felicità
troppo grande per l'umanità.

Continuo a guardarti e tu mi guardi di rimando,
mi allungo e mi protendo fino a quando
io lo so.

Anche se non lo ascolterò
riesco a immaginarlo.
Perciò non parlo.

CHIEDITI SEMPRE COSA E' BENESSERE