domenica 12 gennaio 2014

soridi ar cielo che te guardo


('a parte femmina de ddio)

io n'n so tanto bòno co l'emozioni
e coi sentimenti me se rinturcineno 'e budella,
io co'e parole posso puro fa canzoni,
ma mai saprei descrive quella

che te s'appiccica sull'occhi
quanno guardi 'na luna che sbrilluccica...
che certo nun è quella che tocchi
se non cor còre che te ruzzica

su pe'r gozzo.
Esprimo 'r desiderio che te s'allarghi 'n soriso,
pe' st'ennesimo giorno che come ariva se n'andrà via...

'n fonno ar pozzo
m'aspetto sto regalo sur tuo viso,
dorcissima e malinconica sophia




CHIEDITI SEMPRE COSA E' BENESSERE