sabato 5 novembre 2011

L'INFINTO de Leopardi (in arbanense stretto stretto)


ao comme t'o riccommanno quer montarozzo,
se non fosse che ce sta na fratta 'n mezzo ar cazzo,
che quanno stao seduto a'a sperelle 'n cima a'a sedia,
e poco ce sse vedea pe' via d'a fratta,
c'era 'n silenzio che io nn sò mmai 'nteso,
che quasi me cachevo sotto se ce stevo solo.
Ma si é che 'mpò d'arietta 'sceva da l'arberi
era popo o momento che toccheva issene via,
ché m'arivenevano 'n mente tutti l'anni addietro
sta stagione, quill'atra e quill'atra appresso ancora...
nun te dico che magone!
ma sì che sò fregnone...
che ppò isso più saleva,
più a mi daje che me piaceva!


Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare

CHIEDITI SEMPRE COSA E' BENESSERE