martedì 14 maggio 2013

la Cancelliera

LA CANCELLIERA

è lei che cede a prezzo fisso la carne
lei che la vende al chilo o al minuto
che delle emozioni non sa più che farne
e che i sentimenti rimasti sono uno sputo
 - non farti baciare da quella puttana
   il suo alito fetido sporcherà i sedili
   il suo culo da bimba Madonna cristiana
   strappale quello insieme ai vestiti -

guarda le lacrime, gli occhi sbafati
che certo hai tirato troppo i capelli
una frase di troppo tra i tuoi ululati
un insulto e sul culo uno schiaffo di quelli
che poi non è pianto, è così silenziosa
che se meno più forte vedrai è un altra cosa

 - non vuole baciarti questa ragazza
   col viso rigato nello sguardo muto
   adesso è una gara a chi più disprezza
   ora che c'ho i sentimenti in uno sputo -
ma quanto costa stringerti le mani
a me che di giorno di mestiere le stringo
e sorrido sempre fino all'ultimo saluto,
io che di certo avrò un domani
e regalo anche io solo quello che figo
a un prezzo infame rispetto al valore
dice chi conta questo dolore
ma noi non giochiamo con quello che è caro
chi sesso, chi anima cede al denaro
ascoltala bene tu che sei fermo
questo lamento in silenzio d'inferno

 - non ti bacerà neanche questa puttana
   che un'anima nuova lei sa, non ha prezzo
   la sua luce accesa è molto lontana
   nascosta dai calci e dal tuo disprezzo -

perciò con i soldi, no non la spegni.






'A CANCELLIERA

è lei che cede a prezzo fisso 'a carne
lei che la venne ar chilo o ar minuto
che dell'emozzioni n'n sa ppiù cche fanne
e che i sentimenti rimasti so 'no sputo
n'n te fa bascià da chella puttana
sct'alito zozzo, t'è dà ì verso i sedili
quer giovane culo da bella cristiana
stappaje quello 'nziem' ai vestiti

anvedi che lacrime, l'occhi sbafati
che certo si tirato troppo i capelli
'na frase de troppo tra l'ululati
'n insurto e sur culo 'no schiaffo de quilli
"che ppoi n'n è pianto, sta silenziosa
che si meno più fforte vedrai è 'n'atra cosa"

n'n te vò bascià sta bella regazza
cor viso segnato e 'o sguardo muto
che mo è 'na gara a chi più disprezza
mo so io che c'ho i sentimenti a 'no sputo
ma quanto me costa strignete 'e mani
a me che de giorno de mestriere 'e strigno
e sorido sempre fino all'urtimo saluto
io che de certo c'avrò 'n domani
e rigalo pur'io solo quello che fingo
a 'n prezzo 'nfame rispetto ar valore
come dice chi conta tutto sto dolore
ma noi nun giocamo co quello che è caro
chi sesso chi anima cede ar denaro
ascoltala bene te che stai fermo
sto lamento 'n silenzio assordante de 'nferno

n'n te bascerà manco ssa puttana
che 'n'anima nòva c'o sa nun c'ha prezzo
la luce sua è 'ccesa lontana
nascosta dai carci e dar tuo disprezzo

perciò coi sordi, no nu' la smorzi

CHIEDITI SEMPRE COSA E' BENESSERE